La scuola

La Scuola di Sci Oclini è stata fondata negli anni 70 dagli indimenticabili fratelli Peter e Karl Pichler di Rencio (Bolzano), i primi a riconoscere che una regione sciistica deve avere anche una scuola di sci propria. Dopo i tragici eventi che portarono alla morte dei fratelli Pichler (Peter fu travolto da una valanga sul Corno Nero nel 1975, Karl, allora allenatore della nazionale italiana, morì in un tragico incidente stradale nel 1982 in Nuova Zelanda), Heini Dalsass di Laives gestì la scuola fino al 1989, seguito poi dal ventitreenne Roland Antholzer.

Sotto Roland Antholzer, la scuola è diventata un’impresa di qualità incentrata innanzitutto sull’insegnamento ai bambini e sull’allenamento snowboard e sci di fondo. Offriamo però anche allenamento gare, e gestiamo ed organizziamo gare di sci su richiesta. Inoltre disponiamo di un tappeto mobile che riporta i nostri principianti sulla collinetta da cui fanno le loro primissime discese. Offriamo tutto questo a prezzi che sono nettamente al di sotto della media in un settore dai prezzi spesso esagerati. Oclini – skipass e ristoranti dai prezzi simpatici, ed una scuola con speciale riguardo alle famiglie.

I nostri 13 istruttori provengono tutti dalla Bassa Atesina e dall’Oltradige. Leo Pichler, l’istruttore più veterano – questa sarà la sua 25a stagione – vive a Terlano. Il gestore Roland Antholzer e Roland Franceschini, Jürgen Braun, Günther Kössler, Daniel Meraner, Andreas Hell, Gerd e Andreas Vieider, gli istruttori di snowboard Christoph Riegler e Hansjörg Kager abitano ad Appiano. Christoph Kompatscher viene da Caldaro, Wolfi Pernstich e Barbara Ascher da Termeno, mentre Manfred Varesco è di Montagna. Il direttore della nota ditta Vist (abbigliamento da sci), Elmar Stimpfl di Egna, si limita a darci una mano per qualche ora qualora fosse necessario. Il nostro istruttore di sci di fondo, Tullio Vinante, è di Tesero, mentre la nostra segretaria Kathrin Pichler ed i nostri soccorritori per emergenze Franz e Norbert Pichler sono di Montagna.

Il punto forte della Scuola di Sci Oclini è l’enorme entusiasmo degli istruttori, proveniente tra l’altro dal fatto che nessuno di loro svolga questo lavoro come mestiere principale. A Natale, quando il numero di sciatori ed ospiti – in maggioranza Italiani che vengono dalle vicinanze di Cavalese, dove abitano durante le vacanze – raggiunge il massimo, gli istruttori sono al completo.

Per il resto dell’inverno, però, non è necessario che siano tutti disponibili. Spesso l’uno o l’altro si prende una settimana di ferie dal lavoro per occuparsi delle classi italiane, tedesche ed inglesi, che di recente vanno aumentando al passo Oclini. “La flessibilità è uno dei nostri punti forti”, dice il gestore Roland Antholzer, “un altro essendo naturalmente la nostra dedizione ai piccoli.” Non è fuori dal comune che uno dei nostri istruttori accompagni un piccolo allievo in bagno o lo porti a prendere la cioccolata calda all’albergo. La prossima discesa aspetta.